Signal, l’app più criptata al mondo è stata hackerata dalla Cellebrite – FAKE

Signal

Signal, l’app più criptata al mondo è stata hackerata dalla Cellebrite – FAKE. Di recente la società israeliana Cellebrite, azienda leader nel settore Mobile Forensics, avrebbe annunciato di aver scoperto la chiave crittografica di Signal. Stiamo parlando infatti dell’applicazione più sicura e criptata al mondo nel campo della messaggistica istantanea. Tuttavia la società Signal Foundation, gli esperti di crittografia e perfino Edward Snowden smentiscono.

Edward Snowden
Edward Snowden – Ex tecnico della CIA e fino al 10 giugno 2013 collaboratore di un’azienda consulente della National Security Agency, è noto per aver rivelato pubblicamente dettagli di diversi programmi top-secret di sorveglianza di massa del governo statunitense e britannico

Il fondatore dell’app di messaggistica istantanea Moxie Marlinspike, afferma infatti non solo che Signal non può essere hackerata ma bensì che la Cellebrite non ha mai dichiarato di essere in grado di farlo. Infatti si tratta solo di articoli “clickbait” messi in rete dalla BBC ed altri.

Moxie Marlinespike
Matthew Rosenfeld – noto come Moxie Marlinspike, è un imprenditore americano, crittografo e ricercatore di sicurezza informatica. Marlinspike è il creatore di Signal, co-fondatore della Signal Foundation e attualmente è CEO di Signal

La Cellebrite vende un dispositivo forense chiamato UFED a diverse organizzazioni di polizia in tutto il Mondo. Il tutto sarebbe partito da un articolo postato sul blog della Cellebrite stessa. Nel post venivano illustrate alcune “tecniche avanzate” (ad essere onesti anche imbarazzanti) per leggere i messaggi di Signal archiviati su un dispositivo Android in loro possesso con lo schermo sbloccato.

Ufed
Dispositivo della Cellebrite UFED – (Universal Forensic Extraction Device), soluzione di fascia alta per l’estrazione, la decodifica e l’analisi di dati fruibili da telefoni cellulari tradizionali e smartphone, tablet portatili e dispositivi Gps portatili per usi in ambito giuridico.

Quindi riassumendo la Cellebrite non può decifrare le comunicazione dell’app Signal. Vendono semplicemente un “dispositivo forense” alle forze dell’ordine di diversi paesi nel Mondo. La polizia attraverso questo dispositivo collega gli smartphone che sono stati sequestrati. Attraverso una procedura automatica sono in grado di estrarre i dati da tutti quegli smartphone che hanno delle falle o che comunque sono insicuri. L’estrazione dei dati riguarda le app più popolari e fra queste app di recente è stata aggiunta anche Signal. Dunque non vi è alcuna magia.

Links Utili

Pubblicato da Alessandro Dicintio

Fondatore di rsinformatica.org, blogger e divulgatore informatico. Gran parte del suo lavoro consiste nel raccogliere informazioni conducendo ricerche, effettuando interviste, analizzando opinioni e impressioni delle persone, con l'obiettivo di segnalare e pubblicare tali informazioni in modo opportuno, efficace ed attraente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: